Consumatore e retailer sempre più vicini

OVS, cliente Aton da oltre 10 anni nell’ambito del retail management ha scelto la soluzione Connected Shopper proposta da Zebra e personalizzata da Aton con l’introduzione di nuove funzioni di analisi.
Questa applicazione fa parte di quell’insieme di tecnologie e soluzioni di proximity marketing introdotte nel flagship store OVS Via Dante, dal camerino virtuale, agli assistenti alla vendita muniti di iPad, ai totem multimediali, fino al servizio click&collect, per offrire ai clienti un’innovativa digital shopping experience.

La soluzione Connected Shopper nasce con l’obiettivo di arricchire l’esperienza di acquisto del consumatore fornendogli servizi aggiuntivi, come l’accesso wifi gratuito, che consente di navigare liberamente in aree dove il segnale può non essere ottimale e senza consumare credito personale, ma anche promozioni, sconti, accumulo di punti fedeltà, guida interattiva all’interno del negozio, contenuti media fruibili nel punto vendita in maniera esclusiva.

 

 

Quali benefici per i retailer?

Se i consumatori hanno come principale vantaggio una shopping experience più interattiva e coinvolgente, il retailer, dal canto suo, può raccogliere informazioni preziose per conoscere meglio e profilare il suo target di riferimento.
La soluzione Connected Shopper consente infatti di scaricare ed analizzare tutti i dati raccolti all’accesso degli utenti nell’area wifi ed in tutte le visite successive: in questo modo è possibile conoscere la presenza nel tempo in prossimità dello store ed inviare messaggi rilevanti in relazione al luogo e al momento incrementando le vendite. È possibile inoltre profilare l’utente sia a livello demografico (età, sesso, nazionalità), sia a livello di interessi e preferenze, grazie all’integrazione con i social network e all’analisi, a livello macroscopico, dei siti visitati nell’area wifi free. Conoscere a fondo il consumatore significa proporgli un accesso ed una navigazione personalizzati sulla base di gusti ed interessi, informazioni storiche, comportamenti precedenti.
Questo tipo di informazioni vengono raccolte a livello aggregato, nel totale rispetto della privacy, ma permettono comunque al retailer di avere una piazza su cui lavorare a livello di digital marketing per promuovere i propri prodotti e servizi e di avere a disposizione dati significativi sui comportamenti d’acquisto (ad esempio la distribuzione negli orari del giorno e/o giorni della settimana che consente di realizzare valutazioni sul tipo di affluenza e sulla possibilità di ingaggio anche a negozio chiuso). Questi dati possono essere combinati con i dati di sell out e fornire al management elementi preziosi per affinare le strategie di vendita.
Vendita assistita nel retail - soluzioni di proximity marketing

 

E dal punto di vista tecnico? Scopri di più sulla soluzione di Zebra e Aton.

Approfondisci le tecnologie beacon nel settore retail: scarica il white paper “Retail goes Digital” dedicato allo stato dell’arte e alle nuove tendenze sulla digitalizzazione dello store.